Scelta e inizio della professione

Nell’ottica del percorso formativo dei bambini e dei giovani, i genitori svolgono un ruolo determinante, in particolare per quanto concerne il processo che prepara alla scelta della professione. Talvolta le famiglie con un basso livello d’istruzione e/o socialmente svantaggiate sono poco informate sul sistema di formazione professionale. Un sostegno mirato aiuta i giovani a superare le difficoltà derivanti dalle loro condizioni di partenza.

Le persone che non hanno conseguito alcun titolo professionale svolgono più spesso lavori precari e sono esposte a un maggior rischio di povertà. Preparare i ragazzi delle scuole medie alla scelta di una professione è un compito comune alla scuola, ai servizi di orientamento professionale e al nucleo familiare. La scelta motivata di una professione – coronata dal conseguimento di un diploma professionale – rappresenta per i giovani l’inizio di una vita lavorativa di successo dal punto di vista economico e sociale, un fattore cruciale per raggiungere l’autonomia e l’indipendenza economica da adulti. I genitori hanno un ruolo di sostegno importante in questa scelta e vanno accompagnati e sostenuti in questo loro compito. Per riuscire a raggiungere i genitori socialmente svantaggiati e/o con un basso livello d’istruzione, l’offerta di assistenza deve essere il più accessibile possibile.

La scelta e l’inizio della professione da parte degli adolescenti e dei giovani adulti in difficoltà rientrano nel campo d’azione «Opportunità educative» della Piattaforma nazionale contro la povertà. Dal 2014 al 2018, il Programma nazionale contro la povertà ha impiegato le sue risorse essenzialmente per colmare le lacune tematiche e per dare impulsi negli ambiti con il maggior bisogno di sviluppo. Ha sostenuto diversi progetti pilota che aiutano i giovani ad acquisire una formazione professionale o a evitare l’interruzione di un tirocinio. In uno studio ha fatto analizzare il ruolo e il bisogno di sostegno dei genitori socialmente svantaggiati nell’accompagnamento dei figli nel processo di scelta professionale. Sulla base dei risultati ottenuti è stata elaborata una guida rivolta ai responsabili delle offerte destinate a questi genitori.

Nel quadro del Programma nazionale è stato inoltre realizzato uno studio sulla riduzione della dipendenza degli adolescenti e dei giovani adulti dall’aiuto sociale, in cui sono state formulate diverse raccomandazioni per migliorare il coordinamento delle offerte di sostegno per i giovani con problemi nelle fasi di transizione dalla scuola alla formazione professionale e da quest’ultima al mercato del lavoro. Sono stati richiesti per esempio lo sviluppo di offerte per determinati gruppi target (p. es le giovani madri), l’individuazione tempestiva dei rischi durante il periodo scolastico, la creazione di un punto di triage centralizzato, il coordinamento e l’armonizzazione delle misure di sostegno nonché l’accompagnamento a lungo termine dei giovani a rischio. Malgrado le offerte di sostegno esistenti, dallo studio è emerso un bisogno urgente d’intervenire a questo livello. La Piattaforma nazionale contro la povertà riprende le raccomandazioni formulate nello studio e cerca di approfondirle in modo adeguato.


Scheda informativa «Scelta della professione ed entrata dei giovani nel mondo del lavoro» (settembre 2018, in francese o in tedesco)
Scheda informativa «Opportunità educative dalla prima infanzia all’età adulta» (settembre 2018, in francese o in tedesco)
 

"Panorama.attualità", Newsletter

Informazioni specializzate per la formazione, l’orientamento e il mercato del lavoro

Dicharazione 2019 sugli obiettivi comuni di politica della formazione per lo spazio formativo svizzero

Dichiarazione congiunta del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) e della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE) del settembre 2019, in cui viene confermato l’obiettivo di politica formativa, secondo cui il 95 per cento dei 25enni in Svizzera deve avere un titolo di formazione di livello secondario II.

Rapporto di Consiglio federale (in francese) : Introduction de l’attestation fédérale de formation professionnelle – un bilan (marzo 2019)

Il rapporto che traccia un bilancio dell’introduzione del certificato federale di formazione pratica. Dal documento emerge che le formazioni di base CFP forniscono soprattutto alle persone con una spiccata attitudine alle attività pratiche le qualifiche necessarie per inserirsi nel mercato del lavoro, conseguire un altro titolo del livello secondario II (attestato federale di capacità – AFC) o iniziare una formazione continua.

Selettività sociale: raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza e rapporto di esperti, 2018

Il Consiglio svizzero della scienza formula cinque raccomandazioni all’attenzione della Confederazione, dei Cantoni, delle istituzioni di promozione nonché delle scuole universitarie per ridurre la selettività sociale nel settore della formazione. Inoltre, il rapporto di esperti fa il punto della situazione per quanto riguarda la disparità sociale nelle opportunità educative e nell’accesso a una formazione superiore nonché le sue conseguenze a livello di politica della formazione.

Bericht "Kennzahlenvergleich zur Sozialhilfe in Schweizer Städten 2017" (rapporto in tedesco)

Die Städteinitiative Sozialpolitik hat den aktuellen „Kennzahlenvergleich zur Sozialhilfe in Schweizer Städten“ veröffentlicht. Der Schwerpunkt liegt auf den Jugendlichen und jungen Erwachsenen in der Sozialhilfe. Bei der überwiegenden Mehrheit gelingt die Ablösung auf längere Sicht; bei Ausländerinnen und Ausländern im Verhältnis sogar besser als bei Schweizerinnen und Schweizern. Wesentliche Risikofaktoren sind fehlende Bildung und Aufwachsen in Armut.

Dislessia nei giovani adulti – un interessante documentario dalla Svizzera romanda (in francese)

Un video realizzato nella Svizzera romanda mostra diverse possibilità di compensare gli svantaggi cui i giovani adulti dislessici devono far fronte quando si candidano per un posto di lavoro, durante il tirocinio o alla scuola professionale. Nel documentario, alcuni giovani adulti raccontano il modo in cui affrontano la dislessia e specialisti del settore apportano il loro contributo nell’ottica degli accompagnatori.

Evaluation "progetto Lift" (2017), NSW / RSE

LIFT è un progetto di prevenzione dei rischi di non inserimento professionale alla fine della scolarità obbligatoria. LIFT è un progetto di NSW / RSE Rete per la responsabilità sociale nell'economia


PiùMeno

fribap

Lehrbetriebverbund Cantone di Friburgo

Gemeinsam zum Erfolg

Progetto di valutazione dell'Istituto universitario federale per la formazione professionale IUFFP

jobBooster

Servizio per le pari opportunità dei disabili, Cantone di Basilea Città

Mentoring für Jugendliche mit Behinderung

Servizio per le pari opportunità dei disabili, Cantone di Basilea Città

Scène active

Stadt Genf - Département de la cohésion sociale et de la solidarité und Association ACCROCHE-Genève


PiùMeno

Ultima modifica: 26.08.2019