Alloggio

L’offerta adeguata di alloggi rientra tra gli obiettivi sociali perseguiti da Confederazione e Cantoni. Nel contesto urbano è molto difficile trovare alloggi a buon mercato. Per le economie domestiche a basso reddito le spese di alloggio rappresentano un onere notevole, che può far entrare nella spirale della povertà o acuire situazioni di povertà preesistenti. Esistono numerose misure che puntano a un miglioramento della situazione abitativa degli interessati. 

Le statistiche dell’aiuto sociale confermano che per le economie domestiche povere le spese di alloggio rappresentano generalmente la parte più significativa del budget e possono comportare restrizioni in altri ambiti della vita (p. es. abbigliamento, alimentazione, salute). Le persone che vivono in condizioni di povertà o precarietà hanno difficoltà non solo a trovare un’abitazione, ma anche a conservarla nel tempo. Per questo motivo, nell’ambito dell’offerta di alloggio, oltre a prestazioni di carattere pecuniario (p. es. sussidi per l’alloggio, garanzie di affitto) è opportuno fornire anche un sostegno di carattere non pecuniario tramite prestazioni di intermediazione immobiliare e di tutela abitativa. Per garantire alle persone interessate maggiore autonomia e stabilità, vanno rafforzate le competenze abitative.

Nel settore dell’alloggio e per la promozione di abitazioni a pigioni e prezzi moderati, gli attori principali sono l’Ufficio federale delle abitazioni (UFAB) e diverse istituzioni a livello cantonale e comunale. Conformemente alla Costituzione federale, vanno presi in considerazione in particolare gli interessi delle famiglie, degli anziani, degli indigenti e dei disabili. La Confederazione promuove la costruzione di abitazioni a scopi di utilità pubblica, s’impegna per la riduzione dei costi abitativi ed emana prescrizioni contro gli abusi in materia di locazione. Altri attori statali, come pure attori semistatali e privati, forniscono inoltre prestazioni pecuniarie e non pecuniarie alle persone povere o a rischio di povertà. 

Il Programma nazionale contro la povertà 2014–2018 ha pubblicato, in collaborazione con l’UFAB, uno studio concernente l’offerta di alloggi in Svizzera e la situazione delle economie domestiche che vivono in condizioni di povertà o precarietà, cui è seguito un secondo studio sulle prestazioni non pecuniarie nell’ambito dell’alloggio. Su questa base, il Programma nazionale contro la povertà ha commissionato l’elaborazione di una guida destinata agli specialisti e ai decisori della politica dell’alloggio e della politica sociale che operano nei Cantoni, nelle Città e nei Comuni. La guida fornisce una panoramica delle prestazioni non pecuniarie e della responsabilità solidale. 

Scheda informativa «Alloggio» (settembre 2018, in francese o in tedesco)

"Nuovo dossier tematico «Alloggio» e aggiornamento degli esempi pratici, COSAS (2017)

La Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale (COSAS) ha pubblicato sul suo sito Internet un nuovo dossier tematico contenente studi, link e attualità sul tema «Povertà e alloggio». Inoltre sono stati aggiornati gli esempi online tratti dalla prassi dell’aiuto sociale.

"Quitter son lieu de vie pour des raisons économiques ? Une analyse de la mobilité résidentielle au sein de six agglomérations", UFAB (2017)

Uno studio contraddice l’idea molto diffusa che le economie domestiche con un reddito modesto abbandonino sempre più i centri urbani.

"Aumentano gli atteggiamenti razzisti nei rapporti di vicinato", in breve (2015), SLR

A intervalli regolari, il Servizio per la lotta al razzismo SLR mette in evidenza un ambito della vita toccato dalla discriminazione razziale.

"Alloggi a prezzi moderati", Kit modulare (2013), UFAB

Un kit modulare per Città e Comuni

"Quartieri in azione: un approccio plurale per uno sviluppo congiunto", Programma Progetti urbani (2013)

Esperienze d i sviluppo dei quartieri maturate nell’ambito del Programma «Progetti urbani»


PiùMeno

Ultima modifica: 29.10.2019